Importare manualmente una libreria java in Eclipse

Tempo di lettura: 2 minuti

Ad oggi, è quasi impensabile che un programmatore esperto, importi a mano le librerie in un progetto creato con l’IDE Eclipse. Ci sono tool come Maven che fanno questo sporco lavoro per noi. Penso però, che a fini didattici o per situazioni particolari, valga la pena capire come importare delle librerie di terze parti, a mano, con Eclipse. Naturalmente in modo accessibile, con lettore di schermo NVDA. Continua a leggere Importare manualmente una libreria java in Eclipse

Guida introduttiva al debug di codice java con Eclipse e NVDA

Tempo di lettura: 5 minuti

È giunta l’ora di vedere insieme come effettuare il debug del nostro codice scritto in java, con Eclipse e NVDA.
Il debug è una pratica molto comune per esaminare step by step il codice prodotto, per scovare bug gravi o anche semplici malfunzionamenti. Come prerequisito, bisogna avere letto il mio articolo “Guida introduttiva all’IDE Eclipse, per programmare con Java in modo accessibile” (per la configurazione di Eclipse e il suo addon che ne migliora l’accessibilità) o conoscere già la programmazione ad oggetti con java ed Eclipse. Naturalmente, anche il focus di questo articolo, sarà il mondo dell’accessibilità e delle metodologie di programmazione applicate alle persone con disabilità visiva. Continua a leggere Guida introduttiva al debug di codice java con Eclipse e NVDA

Partito il corso di formazione per non vedenti e ipovedenti: linguaggio di Programmazione Java e Framework Spring

Tempo di lettura: 2 minuti

“Il pensiero ricorrente di offrire ad altre persone, diversamente abili come me, la possibilità di poter pensare in grande, di poter avere un lavoro dignitoso, da smanettoni, nel mondo IT.”

Io che nel diventare non vedente ho creduto di perdere la mia professionalità, pensavo di non poter più fare il lavoro che amavo tanto, il programmatore. Io che nel ricostruire la mia formazione, sono riuscito, da solo, a rimettermi in pista, in discussione, in circolo.

L’ostacolo più grande è stato proprio quel “da solo”, dato che nessuno era in grado di darmi una mano, perchè nessuno conosceva così bene la tecnologia associata alla disabilità visiva. E se parlavi di un non vedente che programmava, beh, in pochi ti davano credito.

Ecco alcune delle motivazioni che mi hanno portato a promuovere un corso di formazione gratuito, sulla programmazione, per persone non vedenti e ipovedenti. Ho pensato subito che potesse essere una grande idea. Daltronde non “esisteva” nulla di tutto ciò in circolazione ed erano diverse le persone che già mi avevano manifestato interesse.

E così il 26 Settembre siamo partiti per questo lungo viaggio che terminerà a Giugno 2020, dopo 20 lezioni online, altrettanti colloqui individuali e tante esercitazioni pratiche. Il tutto in FAD sfruttando a pieno i mezzi di comunicazione online più diffusi, alla portata di tutti i partecipanti, iscritti da tutta Italia.
L’obiettivo, ambizioso, è quello di dare la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro, con una professione, assolutamente alla portata di un disabile visivo, “quella dell’analista programmatore di software”.
La particolarità di questo percorso è di essere orientato all’accessibilità delle postazioni di lavoro e dei software necessari allo sviluppo software, con cui i partecipanti di questo percorso, potranno lavorare senza barriere.
Grazie alla mia esperienza nel mondo IT, ai miei esperimenti di accessibilità durati anni, allo studio individuale, penso di capirne abbastanza per poter finalmente aiutare anche altri ad inseguire il loro sogno.

Con chi collaboro

Ringrazio con enorme piacere l’ENGIM (Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo) Artigianelli che mi affianca in questa impresa e che darà a queste persone la possibilità di avere un attestato di frequenza per il corso svolto. ENGIM ha subito creduto in questo progetto, riconoscendone le potenzialità umane, inclusive e tecnologiche.
Inoltre, grazie alla consulenza hardware/software degli amici della R.O. SRl, avremo a disposizione un server dedicato TeamTalk per le lezioni online, contributo fondamentale grazie al quale il corso acquista ulteriore professionalità.

Dettagli del percorso formativo

  • titolo: Linguaggio di Programmazione Java e Framework Spring;
  • descrizione del corso: Il percorso formativo ha lo scopo di fornire ai partecipanti le nozioni dei fondamenti della programmazione orientata agli oggetti attraverso l’introduzione del linguaggio di programmazione Java nonchè l’utilizzo del framework Spring per lo sviluppo di applicazioni in Java. Durante il corso si svilupperanno esercizi pratici al fine di poter apprendere correttamente l’utilizzo del linguaggio. Al termine del percorso formativo il corsista avrà acquisito competenze fondamentali nello sviluppo di basilari applicazioni software web basate sul linguaggio di programmazione Java, che è attualmente fra i più richiesti dal mondo del lavoro IT. Il framework Spring si utilizzerà in conbinazione con Maven;
  • durata: 60 ore;
  • costo: gratuito;
  • modalità svolgimento: completamente online (FAD) mediante l’utilizzo di TeamTalk 5 Classic accessibile;
  • tipologia attestato: attestato di frequenza

Anche questa iniziativa si svolgerà sotto il patrocinio della’associazione “i sogni di nonna marisa onlus”, vicina alle tematiche sociali e inclusive che caratterizzano questa opportunità formativa.
Per info e contatti consultare l’apposita sezione in questo blog.
Stay tuned..

Guida introduttiva all’IDE Eclipse, per programmare con Java in modo accessibile

Tempo di lettura: 16 minuti

Inizio oggi una serie di articoli che introducono alla possibilità di svolgere la professione del programmatore da parte di sviluppatori affetti da disabilità visiva (non vedenti ed ipovedenti). L’obiettivo è quello di rendere consapevoli le aziende del fatto che questa è una professione possibile per i disabili visivi, ma allo stesso tempo sono gli stessi ipovedenti o non vedenti che devono sapere che possono diventare sviluppatori professionisti, perché oggi gli strumenti ci sono. Nello specifico farò riferimento al sistema operativo Windows 10 a 64 bit, ampiamente diffuso, ma con dei piccoli accorgimenti, questa guida, è adatta anche a sistemi più vecchi o a 32 bit, oltre che per i sistemi Mac e Linux. Inoltre, a fine articolo, ho inserito due sezioni molto importanti:

  • download proposti: sezione contenente l’elenco dei link per scaricare tutti i software di cui si parla in questa guida;
  • materiale proposto: una selezione di materiale utile per l’apprendimento delle basi della programmazione e del linguaggio java.

Nota bene: nel testo uso le doppie virgolette per evidenziare termini importanti, comandi o nomi file, esse non vanno mai riportate nello svolgimento degli esercizi. Continua a leggere Guida introduttiva all’IDE Eclipse, per programmare con Java in modo accessibile